Cinque consigli utili per intagliare un timbro fai da te

•••

Oggi parliamo di come intagliare un timbro fai da te e cercherò di darti cinque consigli utili per farlo.

•••

Nelle scorse settimane ci siamo concentrati sulle fasi preparatorie del lavoro ma oggi ci dedicheremo all’intaglio vero e proprio.

•••

Intagliare un timbro fai da te è una pratica rilassante, che aiuta la concentrazione e che ti permette di esprimerti direttamente attraverso il tuo corpo. È quasi un esercizio meditativo poiché l’attenzione è tutta in quel che si fa, lentamente e con consapevolezza.

•••

Scegliere un’immagine in base all’uso che desideri farne, imparare a conoscerla disegnandola, riportarla sulla gomma da intaglio e poi alla fine prepararsi a incavarla, ti connette intimamente con quello che hai in mente, con il tuo progetto artistico o decorativo: ti rende consapevole.

•••

Ma come si fa a intagliare un timbro fai da te? Ne avevo già parlato qui, ma volevo approfondire l’argomento.

•••

Ecco cinque consigli che possono tornarti utili se vuoi dedicarti a questa attività artistica.

•••

1. Parti sempre dai contorni esterni della figura. Usando la sgorbia più stretta, la numero uno, segui i contorni esterni della figura e, con pazienza, rendi il solco esterno sempre più largo passandoci dalle due alle tre volte. Attenzione, dico “largo” non “profondo”, poiché un margine esterno largo ti servirà nelle fasi finali dell’intaglio per farci passare la taglierina. Più largo è più sarà facile eliminare le parti inutilizzate della gomma una volta finito l’intaglio.

•••

2. Non puntare la sgorbia verso il basso. Uno degli errori che più facilmente si commettono quando si inizia a intagliare un timbro fai da te, è quello di puntare verso il basso la testa della sgorbia. Questo fa sì che il solco che si crea sia troppo profondo e che la sgorbia si inceppi impedendoci di andare avanti. La sgorbia va tenuta radente la superficie della gomma in modo tale da farla scorrere senza intoppi.

•••

3. Non puntare mai la sgorbia verso di te ma sempre dalla parte opposta. Le sgorbie sono piccole ma estremamente taglienti. Può sembrare banale, ma all’inizio può venirti spontaneo, per seguire le curve del disegno, di girare la sgorbia verso il tuo corpo. Se la sgorbia ti sfuggisse rischieresti in questo modo di ferirti. Piuttosto gira la plastica da intaglio in modo tale che, pur seguendo la figura, la sgorbia sia sempre puntata verso l’esterno.

•••

4. Segui la figura in modo continuo. Più sinuoso e continuo è il movimento della sgorbia e meno imprecisioni ci saranno nel lavoro finale. Cerca di seguire la figura facendo meno pause possibile. I tratti risulteranno più precisi.

•••

5. Non avere fretta. Una volta finito il lavoro di fino con la sgorbia numero uno, rimarranno delle aree più grosse da intagliare per le quali puoi usare le sgorbie a U, io solitamente uso la 5. In questa fase del lavoro può venirti spontaneo, per velocizzare, di passare la sgorbia a U dappertutto per “finire prima”. Questo errore comune può costarti caro perché la sgorbia grande può tranciare via dettagli importanti della tua immagine. Non avere fretta e alterna punte grandi e piccole per rispettare il disegno che hai scelto.

•••

Questi sono i miei cinque consigli per intagliare un timbro fai da te.

•••

Se hai dubbi o domande, scrivimi nei commenti oppure a info@latuamomis.com e se sei di Roma, o passi di qua, non dimenticare che il 16 di marzo ci sarà il mio primo workshop di Timbri fai da te al We Make a San Giovanni. Puoi iscriverti o chiedere informazioni qui.

•••

Alla prossima!

•••

No Comments

Inserisci un Commento: