Erbario fai da te: un diario delle stagioni

Erbario-per-blog

•••

Bentrovate nel mio blog.

•••

Oggi vorrei parlarvi ancora di come si compone un erbario fai da te.

•••

La primavera è arrivata in tutto il suo splendore e, per chi ama la natura, è questo il momento privilegiato dell’anno per osservare fiori e piante nel loro momento più rigoglioso.

•••

Osservare, raccogliere e catalogare le piante che vivono nel nostro ambiente non è solo un passatempo per appassionati di botanica. È molto di più. Un modo per riconnetterci con la natura, con il suo respiro lento e ciclico. Un modo per tenere una sorta di diario delle stagioni che si susseguono con il loro incedere maestoso. Un modo per trattenere nella memoria i colori e gli odori di un momento particolare della nostra vita: una passeggiata nel bosco, una giornata trascorsa sul prato, una gita al lago.

•••

Ecco, un erbario è tutto questo e altro ancora.

•••

Quando ho pensato di creare il mio erbario fai da te, mi è subito venuto in mente quello della poetessa Emily Dickinson. Le sue poesie sulla natura sono le mie preferite e il suo erbario è spettacolare, un vero esempio di passione per la botanica ma anche una sorta di diario nel quale c’è il germe di quella che sarebbe stata la sua poetica. Quello che colpisce dell’erbario della poetessa sono le dimensioni. È un libro molto grande proprio perché raccoglie e conserva specie botaniche nella loro reale maestosità.

•••

L’erbario fai da te che ho pensato e progettato io invece, ha delle dimensioni sicuramente più ridotte per far sì che possa essere gestito in modo agile anche da chi è appassionato ma non ha molto spazio a disposizione.

•••

Ma com’è fatto un erbario fai da te?

•••

Nelle scorse settimane abbiamo parlato di come raccogliere ed essiccare i fiori o le foglie. Poi abbiamo spostato l’attenzione su come catalogare e conservare i nostri esemplari preferiti. Oggi invece vi presento il mio erbario fai da te più nel dettaglio.

•••

Si tratta di un libro rilegato a mano con la tecnica del buttonhole stitch binding. Questo consente di avere più segnature separate tra di loro che affrontano argomenti diversi. Infatti il mio erbario fai da te ha sei segnature ognuna delle quali dedicata a una specie diversa. Ho previsto due segnature per fiori e foglie, una per le piante aromatiche e una per le succulente.

•••

•••

Sapete che uso rigorosamente carta riciclata per tutte le mie creazioni e l’erbario non fa eccezione. Per la copertina ho scelto un cartoncino da 300 g (quindi molto resistente) Favini crush prodotto in Italia a basso impatto ambientale e ottenuto dal riciclo degli scarti agroindustriali. Siccome lo volevo verde, ho scelto quello fatto con il kiwi. Per le sezioni dell’erbario ho usato una carta kraft riciclata al 100% e per le pagine interne ho usato un cartoncino con un bellissimo punto di bianco ottenuto riciclando le tazze per il caffè lungo da passeggio (come quelle di Starbucks per intenderci). Perfino le intestazioni di erbario e sezioni sono stampate su Cartapaglia, una carta anch’essa riciclata. La rilegatura è fatta con corde di canapa. Insomma il mio erbario è ecosostenibile al 100%, proprio come piace a me.

•••

Ho voluto poi corredare l’erbario con un set di etichette stampate anch’esse su carta kraft che possono essere posizionate nella pagina accanto alla specie vegetale in questione per annotarne il nome, il nome scientifico, la data e il luogo in cui è stata raccolta.

•••

Le stampe che ho impresso a mano sulla copertina sono ottenute intagliando timbri in gomma con la tecnica della linoleografia. Il disegno che ho scelto rappresenta il tarassaco, in inglese Dandelion, che conosciamo più comunemente come “soffione”, quella piantina selvatica bianca e soffice su cui da bambini ci hanno insegnato a soffiare per esprimere i nostri desideri. E così volevo che fosse l’erbario: un diario delle stagioni per riconnettersi alla natura e dare forza e sostanza ai nostri sogni.

•••

E tu? Hai già un erbario? Com’è fatto? Raccontamelo nei commenti!

•••

Noi ci ritroviamo qui sul blog la settimana prossima. Nel frattempo se vuoi qualche informazione in più sul mio erbario, puoi scrivermi a info@latuamomis.com.

•••

Se invece sei di Roma o passi di qua, troverai in esclusiva il mio erbario da domani, 26 marzo, in vetrina presso il We Make Roma per una indimenticabile festa di primavera.

•••

No Comments

Inserisci un Commento: