Illustrazioni botaniche: cinque consigli per chi ama disegnare

Illustrazione magnolie•••

Ciao a tutti. In questo periodo così particolare per la vita del nostro Paese, non riuscivo più a concentrarmi per scrivere un articolo sul blog. Ho riflettuto a lungo se fosse utile tornare a parlarvi da qui o se fosse meglio restare in silenzio dall’isolamento nella mia bottega. Poi ho organizzato una diretta Instagram per disegnare insieme e la vostra partecipazione, malgrado la mia nota timidezza, mi ha fatto capire che sì, è giusto continuare a parlare da qui. È giusto condividere con voi le mie passioni e spronarvi a coltivare le vostre, perché è questo che ci rende speciali e che ci sprona ad andare avanti: la creatività. Per questo oggi vorrei dare a chi di voi ama disegnare e desidera imparare a farlo, qualche piccolo consiglio. Dei suggerimenti che possono tornarvi utili quando decidete di prendere una matita in mano, cosa che molti di voi magari stanno facendo durante la quarantena.

•••

Come sapete, la mia tecnica privilegiata è la linoleografia. Ne ho scritto tanto sul blog, ad esempio qui . Ma per incidere un buon timbro c’è bisogno innanzitutto di un buon disegno e quindi anche questa fase del lavoro è per me fondamentale. I soggetti che mi affascinano sono ovviamente ispirati alla natura, che è il cuore della mia attività. Quindi ecco i miei cinque consigli utili per iniziare a disegnare un’illustrazione botanica.

•••

1. Riferimenti. La prima cosa che faccio quando ho intenzione di mettermi a disegnare è cercare dei riferimenti. In questa fase preliminare del lavoro tutto mi è utile: libri di botanica, tavole illustrate antiche, fotografie di fiori e piante dal vivo e, ovviamente, un esame attento di come gli altri illustratori hanno interpretato la pianta o il fiore che desidero riprodurre. Costruisco quindi una mood board, una sorta di bacheca mentale con tutti i riferimenti che colpiscono la mia attenzione.

•••

2. Focus. Un disegno è un disegno, questo è vero. Non deve necessariamente avere una utilità se non quella di liberare la nostra creatività. Però, prima di iniziare, io mi ricavo sempre un momento per focalizzare l’attenzione e capire come andrò a utilizzare la mia illustrazione. Mi serve come base per un timbro? La userò per decorare uno specifico prodotto? Desidero semplicemente decorare il mio bullet journal? Queste riflessioni mi aiutano a capire come impostare il lavoro.

•••

3. Geometria. Nell’illustrazione botanica trovo che la geometria aiuti moltissimo a preparare un disegno. Una volta fatta una mood board e focalizzato lo scopo dell’illustrazione, ridurre il disegno a delle forme geometriche essenziali mi aiuta a portare avanti il lavoro in maniera più ordinata. Quindi inizio col tracciare forme semplici con una matita dalla mina dura che mi servono per inscrivere il fiore o le foglie che ho in mente.

•••

4. Flow. Questa fase del lavoro è quella che preferisco. Lasciarsi andare, assecondare il flusso dell’energia creativa che si canalizza sulla punta della matita o della penna o di qualsiasi mezzo abbiamo scelto per esprimerci, è assolutamente rilassante, liberatorio ed è un modo per entrare in contatto con se stessi lasciando per un po’ tutto il resto all’esterno. In questo momento l’esercizio più utile è quello di spegnere per un momento il nostro io controllore, quello che giudica le nostre capacità e possibilità e sentirci liberi di esprimerci senza badare al risultato. Nessun giudizio, nessuna competizione.

•••

5. Godersi il risultato. Ecco, il disegno è lì davanti ai nostri occhi. È proprio come lo volevamo? Magari no. Ma l’importante è godersi comunque il risultato. Abbiamo dato sfogo alla nostra creatività, ci siamo immersi nel processo, siamo entrati in contatto con noi stessi. Questo è l’importante. Possiamo provare e riprovare all’infinito. Possiamo cercare il nostro stile in quello che adesso a prima vista ci sembra sfocato, non conforme alle nostre aspettative. Tutto è possibile! •••

•••

No Comments

Inserisci un Commento: